home page
LA TUA AZIENDA OGGI È PIÙ ORGANIZZATA
Negli ultimi anni e, soprattutto, grazie alla sensibilità del Parlamento Europeo [Risoluzione 2006/2175 (INI)], si è avviato un più intelligente sfruttamento degli obsoleti attraverso una gerarchia delle priorità d’azione:

  • 1 PREVENZIONE
  • 2 RIUTILIZZO
  • 3 RICICLAGGIO MATERIALE
  • 4 ALTRE OPERAZIONI DI RECUPERO,
    AD ESEMPIO DI ENERGIA
  • 5 SMALTIMENTO

Possiamo notare che sono relegati agli ultimi posti le attività di cui si parla quasi esclusivamente in Italia.
Il Parlamento stesso in particolare, ai fini di tutela dell’ambiente, ritiene essenziali le fasi della prevenzione e del riutilizzo, in quanto solo in tal modo si rientra nell’ottica dei cicli della natura. Ma non basta, ha posto come obiettivo entro il 2020 di raggiungere almeno il 50% fra riutilizzo e riciclaggio.
All’iniziativa comunitaria fa eco il D.Lgs. 16 Gennaio 2008 n.4 che interviene sul D.Lgs. 152/06 fissando nell’articolo 181 che: “Ai fini di una corretta gestione dei rifiuti le autorità competenti favoriscono la riduzione dello smaltimento finale degli stessi, attraverso il riutilizzo, il riciclo e altre forme di recupero”
T.R.C. opera proprio prendendo direttamente ispirazione dai primi due punti di questa gerarchia:
PREVENZIONE: Estensione del ciclo vitale (esempio: donazioni a strutture che possono contare solo su risorse molto limitate) di quei materiali che siano subito utilizzabili.
RIUTILIZZO: Controllo, pulizia, riparazione... operazioni che permettono il successivo reimpiego (vedi prevenzione).
Trc - P.IVA 02312470400 - via Nicola Sacco, 22 - 47122 Forlì - Tel. 0543 774736 - Fax 0543 801530
info@trcweb.it - commerciale@trc.it - www.trcweb.it - www.clopin.it
web design - hosting - software